CRITICA / Critical text

 

Massimo Pasqualone 

 

Lillo Magro tra natura e malinconia.

Il centro emozionale della produzione artistica dell’artista siciliano Lillo Magro è sicuramente la natura, ma la natura scevra da qualsiasi orpello antropologico, la natura paradisiaca che nessun atto amministrativo può violare, nessuna orma umana riesce a calpestare.

E così l’artista ascolta il rumore del mare, si lascia attraversare dalla forza del vento, riesce a significare quei paesaggi siciliani così silenziosi da sembrare rumorosi, attingendo, come accade sovente negli splendidi pastelli qui catalogati, alla malinconia di uno spirito inquieto che trova pace solo nella natura, in quel silenzio che solo il grande artista riesce a trasmettere con colori tenui e che nell’opera d’arte si fa sinestesia.

Già, il silenzio: sembra questa la cifra stilistica di Lillo Magro, perché, ci ricorda il grande direttore d’orchestra André Kostelanetz, “ Ascoltiamo troppo il telefono e ascoltiamo troppo poco la natura. Il vento è uno dei miei suoni. Un suono solitario, forse, ma rilassante. Ognuno di noi dovrebbe avere il proprio suono personale e il suo ascolto dovrebbe renderlo euforico e vivo, o silenzioso e tranquillo… È un dato di fatto, uno dei suoni più importanti – e per me il suono per definizione – è il totale, assoluto silenzio.”

Il silenzio che attraverso la natura ci conduce all’assoluto, passando dal movimento statico di spighe di grano, dalle onde del mare, dal blu del cielo, che affronta dimensioni spazio-temporali in chiave cromatica. Come dimostrano le opere che presentiamo in queste pagine.

Ha proprio ragione il poliedrico artistica Jean Arp: “Presto il silenzio diventerà una leggenda. L’uomo ha voltato le spalle al silenzio. Giorno dopo giorno inventa nuove macchine e marchingegni che accrescono il rumore e distraggono l’umanità dall’essenza della Vita, dalla contemplazione e dalla meditazione. Suonare il clacson, urlare, strillare, rimbombare, frantumare, fischiettare, rettificare e trillare rafforza il nostro ego.”

In queste opere, vere odi al silenzio, come detto, si arriva alla capacità di assoluto, un assoluto che fa dell’uomo, sempre e comunque, un essere capax Dei.

Lillo Magro ci conduce per mano su questa strada e la sua anima, di fronte alla quiete del Tutto, si ricompone, mette insieme i cocci frantumati che la quotidianità rompe, vive il tempo della storia e della bellezza persino nel frammento, nell’attimo, perché, mutuando le splendide parole di Nazim Hikmet, scrive quello che lo attraversa, disegna ciò che riempie la sua anima inquieta.

 

 

 

Massimo Pasqualone

Lillo Magro zwischen Natur und Melancholie.

Die Mittelbewegungen sie der künstlerischen Produktion des sicialian Künstler Lillo Magro ist die Natur, aber das Natur scevra von sicher, welches orpello anthropologisch, die Natur paradiesisch, die kein Entscheidung der Unternehmensleitungdose violare, keine menschliche Schiene folgt, um an zu treten.

Und folglich hört erreicht der Künstler zu den Geräuschen des Meeres, läßt von der Kraft des Winds kreuzen, folgt, um jene leisen Landschaften folglich zu bedeuten, die, um laut zu scheinen sicialian sind und, während sie sovente in den herrlichen Pastellkatalogen Ihnen hier geschieht, zur Melancholie eines rastlosen Geistes, der einzelnen Frieden in der Natur findet, in denen, beruhigen, daß nur der große Künstler folgt, um mit tenuous Farben zu übertragen und daß in der kunstarbeit sie sinestesia sich bildet.

Bereits Stille: die stilistica Abbildung von MagroLillo scheint diese, weil, der große Direktor des Orchesters an uns André Kostelanetz sich erinnert, „wir hören zum Telefon zuviel und wir hören zu wenig die Natur zuviel. Der Wind ist einer meiner Töne. Ein stichhaltiger Einsiedler möglicherweise aber Beruhigungsmittel. Jeder von müssen uns gerade den persönlichen Ton haben und sein höre ich würde müssen ihn übertragen euforico und lebendiges oder leises und ruhiges… Es ist Tatsache Daten, einer der wichtigeren Töne - und für mich der Ton für Definition - ist die Gesamtmenge, absolute Stille.“

Beruhigen Sie das durch die Natur, die sie uns zum absoluten führt und von der statischen Bewegung der Kornohren, von den Wellen des Meeres, vom Blau des Himmels überschreiten, daß er Maße RaumThunderstorms im chromatischen Schlüssel gegenüberstellt. Da sie die Arbeiten zeigen, die wir in diesen Seiten vorstellen.

Der künstlerische Jean Arp hat den gerechten vielseitigen begabt Grund: „Bald wird Stillelegende eine. Der Mann hat die Schultern zur Stille gedreht. Erfindet Tag für Tag die neuen einige Flecken und marchingegni, daß sie die Geräusche erhöhen und sie die Menschlichkeit vom Wesentlichen des Lebens, der Betrachtung und der Meditation ablenken. Um das clacson zu spielen, verstärken urlare, zum rimbombare, zu zerquetschen, zum fischiettare, zu korrigieren und zum trillare zu schreien unser Ego.“

In diesen Arbeiten werden zutreffende hatreds zur Stille, wie dem Sagen, zur absoluten Fähigkeit, ein Absolutes angekommen, das vor dem Mann, immer und jedoch, ein Wesen capax von I.

Lillo Magro führt uns für Hand auf dieser Straße und sein Geist, der Stirn zur Ruhe vollständig, ordnet neu an, setzt sich er mit Kokken zerquetscht Sie, daß das quotidianità abbricht, lebt Zeit der Geschichte und der Schönheit sogar im Fragment, im Moment, weil, mutuando die herrlichen Wörter von Nazim Hikmet, schreiben, was es es kreuzt, Design, dem dieses oben seinen rastlosen Geist füllt.

 

 

Massimo Pasqualone

 

Lillo Magro between nature and melancholy.

The emotional centre of the artistic production of the Sicilian artist Lillo Magro is undoubtedly nature, but that nature free from any anthropological frill, that paradisiac nature which cannot be violated by any administrative act, which cannot be stepped on by any human footprint.

 In this way the artist listens to the noise of the sea, makes the wind’s strength pass through him, can represent those Sicilian landscapes which are so silent to appear noisy, drawing, as it often happens in his wonderful pastels here gathered, from the melancholy of a restless spirit who finds peace just in nature, in that silence which can be transferred by the tenuous colours of the great artist and that becomes a synesthesia in the artwork.

 Right, silence: this seems to be Lillo Magro’s stylistic code because as the great orchestra conductor André Kostelanetz reminds us: “We listen too much to the telephone and we listen too little to nature. The wind is one of my sounds. A lonely sound, perhaps, but soothing. Everybody should have his personal sounds to listen for—sounds that will make him exhilarated and alive, or quiet and calm... As a matter of fact, one of the greatest sounds of them all—and to me it is a sound—is utter, complete silence."

 A silence that through nature brings us toward the absolute, moving from the static movement of the ears of wheat to the sea’s waves, to the blue of the sky, which faces spatio-temporal dimensions in a chromatic key. As demonstrated by the works shown in these pages.

 The polyhedric artist Jean arp is quite right: “Soon silence will have passed into legend. Man has turned his back on silence. Day after day he invents machines and devices that increase noise and distract humanity from the essence of Life, contemplation, meditation. Tooting, howling, screeching, booming, crashing, whistling, grinding, and trilling bolster his ego.”

These works, veritable odes to silence, as already stated, get to that ability of absolute, absolute that, always and in anycase, makes the human being a capax Dei creature.

 Lillo Magro leads us by hand on this road and his soul, face to the quiet of the Whole, recomposes himself, puts together the cracked pieces, broken by everyday life, lives the time of history and beauty even in the fragment, in the moment because, borrowing Nazim Hikmet’s splendid words, he writes what passes through him, draws what fills his restless soul.

 

 

 

Massimo Pasqualone

 

Lillo Magro entre nature et mélancolie.

 
Le centre émotionnel
 de la production artistique de l'artiste sicilien Lillo Magro est certainement la nature, mais la nature libre de tout clinquant anthropologique, la nature céleste qu'aucun acte administratif ne peut violer, aucune empreinte humaine ne peut piétiner.
 
Et ainsi l'artiste écoute le bruit de la mer, se laisse traverser par la force du vent,  parvient à signifier ces paysages siciliens si silencieux qu'ils semblent bruyants, dessinant, comme cela arrive souvent dans
 les splendides pastels énumérés ici, à la mélancolie d'un esprit agité qui ne trouve la paix que dans la nature, dans ce silence que seul le grand artiste parvient à transmettre avec des couleurs douces et qui
 dans l'œuvre d'art devient synesthésie.
 
Déjà, le silence: cela semble le code stylistique de Lillo Magro, parce que, nous rappelle le grand chef d'orchestre André Kostelanetz, "Nous écoutons
 trop le téléphone et n'écoutons que trop peu la nature. Le vent est l'un de mes sons. Un son solitaire, peut-être, mais relaxant. Chacun de nous devrait avoir son propre son personnel et son écoute devrait le rendre euphorique
 et vivant, ou calme et paisible… En fait, l'un des sons les plus importants - et pour moi le son par définition - est le silence total et absolu. "
 
Le silence qui nous conduit à l'absolu à travers la
 nature, en passant du mouvement statique des épis de blé, des vagues de la mer, du bleu du ciel, qui traite des dimensions de l'espace-temps dans une clé chromatique. Comme le montrent les œuvres que nous présentons dans ces
 pages.
 
L'artiste polyvalent Jean Arp a raison: "Bientôt, le silence deviendra une légende. L'homme tourna le dos au silence. L'homme tourna le dos au silence. Jour après jour invente de nouvelles machines et
 appareils qui augmentent le bruit et distraient l'humanité de l'essence de la vie, de la contemplation et de la méditation. Jouer de la corne, urler, crier, gronder, briser, siffler, grincer et triller renforce notre ego. "
 
Dans ces œuvres, véritables odeurs de silence, comme nous l'avons dit, nous arrivons à la capacité d'absolue, un absolu qui fait de l'homme, toujours et en tout cas, un être capax Dei.
 
Lillo
 Magro nous conduit par la main sur cette route et son âme, devant l'immobilité du Tout, il se recompose, il rassemble les fragments brisés que la vie quotidienne brise, vit le temps de l'histoire et de la beauté, même dans
 le fragment, dans l'instant, parce que, empruntant les mots splendides de Nazim Hikmet, il écrit ce qui le traverse, il dessine ce qui remplit son âme agitée.
 
 
 

 

 

 

L´intima arte di LILLO MAGRO

 

critica di Carla Colombo

L´intima arte di LILLO MAGRO

 

 

Se è vero che L’Arte, nel suo significato più ampio, comprende ogni attività umana – svolta singolarmente o collettivamente – che, poggiando su accorgimenti tecnici e norme comportamentali derivanti dallo studio e dall’esperienza, porta a forme creative di espressione estetica, oserei dire che davanti alle opere di Lillo Magro si ha un attimo di perplessità nel limitarci a questo dire, perché nella Sua semplicità di uomo e artista riesce a far emergere la sua intima espressività che fa  di un’opera d’arte una componente assolutamente indispensabile.

Ogni artista intinge il pennello nella sua anima, e dipinge la sua stessa natura nelle sue immagini” così scriveva H.W Beecher,

e mi sento di dire che davanti alle opere pittoriche di Lillo Magro non possiamo fermarci alla semplice tecnica, ma dobbiamo fare lo sforzo di entrarci ed andare oltre.

 Lillo Magro propone nel contesto dei suoi dipinti, dei suoi vetri,delle sue sculture malinconia e nostalgia quelle che ti fanno  respirare e che ti fanno andare avanti.La malinconia è un albero ombroso che ti succhia linfa, ma a volte dà frutti deliziosi come  opere pittoriche, poesie, musica, è uno  stato d’animo particolare che si potrebbe definire come “dolce tristezza”, la  nostalgia invece prende la tua anima   e l’accompagna nei ricordi del passato…  ed è  così che leggo le opere di Magro, legate alla sua terra, quella Sicilia ricca di tradizioni  secolari e cultura millenaria che regala a chi Vi è nato il senso dell’appartenenza, delle radici. Magro si trova a strappare quell’ultimo ricordo e farlo proprio per renderlo ancora vivo nelle sue tele con spontanea dolcezza/tristezza dovuta, forse, alla lontananza dalla sua terra, ricca di sole, di mare, di cultura, e che sprigiona nel cuore, di chi non la può al momento vivere, attimi struggenti.

Anche nei soggetti che dovrebbero essere gioiosi, sereni, rallegranti,  come i papaveri o i campi di grano, quel senso di dolce tristezza prevale, prende il sopravvento.

Un  velo di “nebbia pensierosa”, come una carezza leggera  che cade sul foglio o sulla tela, a proteggere a conservare quell’emozione raccolta in pigmenti appena stesi, una coperta di Linus che lo accompagna e che rende la sua pittura soffusa, delicata  quasi trasparente.

Nelle opere dove il soggetto principale è la figura femminile, l’attenzione  si  posa sulla volatilità delle figure stesse. In alcun contesti sempre molto delicati la figura di donna, musa ispiratrice per eccellenza, è eterea, madreperlacea, pronta per  un ampio volo in  spazi sfumati, soffusi, delicati, un volo nel sogno di un’isola che c’è, che ti accoglie, che ti culla. Delicatezza e sensibilità dunque per un tocco pittorico di delicatezza innata.  

Subito mi devo smentire se mi accosto  ai suoi  disegni a pastello. Tratti decisi catturano lo sguardo, profili di visi che esprimono carattere e sicurezza… un modus operandi completamente diverso da quello del colore ad olio.

Forse un controsenso, ma in arte non ci sono controsensi poiché l’artista sperimenta e affronta tecniche diverse, cercando di renderle proprie e dando la propria espressione e allora non dobbiamo meravigliarci se ci sono contrasti di spontaneità e di cura del soggetto.

Nei  vetri emerge la “passione” per il materiale, la sacralità di un mutismo espressivo raccolto in pigmenti color pastello, personale interpretazione di momenti di spiritualità non indifferenti  resi ancora più preziosi dalle figure etere che si scorgono fluttuare nel vetro, in una catarsi di sogno o di fantasia. Delicatissime e raffinate opere che catturano e valorizzano l’operato artistico di Magro, rendendo pregevole la Sua produzione artistica.

Si denota la ricerca, lo studio del materiale per riuscire a farlo proprio e rendere malleabile  a suo volere, alla sua emozione dove si evince sofferenza-passione riposta con l´animo di chi vuole regalare a piene mani la propria anima. Opere volatili e nel contempo concreti, trasparenti e sognanti, qui tutto Vi è raccolto nel pathos appunto di anima e di cuore.

 

Credo che sia un percorso alquanto interessante, anche se faticoso ma proprio nelle cose sofferte c´è sempre più amore.

Così come le sculture, che dal materiale povero, ma tanto duttile alla mano dell’uomo rende bene il Suo “non fermarsi”, sagome moderne esultano in uno spazio che è troppo ampio ed allora la scultura esplode nella sua limitata rappresentazione e si potrebbe continuare all´ infinito dando oggettivi e consensi all´operato artistico di Lillo Magro.

Un mondo il Suo colmo di tecniche artistiche e di espressioni che si staccano completamente da un materiale all’altro, come se si dividesse nel suo operare, rendendo osanna a ciò che in quel momento sente di esternare, ma soprattutto Lillo Magro rende omaggio alla Sua terra che sempre o ovunque l’accompagna.

La terra

Tra il caldo dei pomeriggi assolati e l'ombra dei vigneti a tendone, accanto ai muli, compagni di lavoro nella riarsa terra e reclino a raccogliere quanto saccenti "ugliate" carpiscono ai rami dell'ulivo,sta, scolpito nel tempo che muta, il condadino siciliano: il volto rigato dai solchi del lavoro e abbrutito dal caldo del sole.

La sua terrà è lì, tra le tempere di Magro, accanto alla sua immagine. I pantaloni di velluto a coste larghe, la camicia a quadri stretta al ventre, il fazzoletto bianco annodato alla fronte e alla nuca e le braccia libere dalle maniche arrotolate sugli avambracci: "lu viddranu".

Scene quotidiane di vita agreste, per chi vive la campagna come speculazione intellettiva; elegia bucolica per i nostri animi inzuccherati, acquattati sui fogli bianchi a incidere arabeschi d'inchiostro; folclore per chi guarda con occhio affrancato; sudore per chi sgretola le zolle per calarci il pane, per chi vive il sole come unica clessidra, per chi non conosce fischi di sirene o lancette d'orologio: per quei pochi rimasti che non hanno abbandonato i propri lari.

Dal bianco del foglio trasudano, stentorei, i colori della nostra campagna: il verde dei pampani della vite, il marrone delle zolle riarse al sole, il giallo del nostro biondo e sudato grano, l'azzurro del nostro cielo.

Pennelli sapienti campiscono quello che matite veloci abbozzano. Colori freschi, sciolti nella diafanicità dell'aria suggeriscono realtà tarde, ancora non consacrate alla storia. Realtà colte, nel loro svolgersi, da chi, attore, ha recitato questa vita. Istantanee senza ostentazione, flash senza presunzione, colte da un occhio troppo prossimo per essere descritto, impaginate scarnamente e senza vanagloria.

Come il contadino porta il frutto della sua terra al mercato, così Magro offre il frutto della sua sensibilità artistica, del suo lavoro pittorico alla società con un linguaggio semplice e comprensibile, quasi dialettale.

Nelle sue grafiche c'è la storia del popolo contadino, quella che non sarà mai scritta in nessun libro, ma che fa già parte di noi, del nostro passato, del nostro presente ed è globulo del nostro sangue.

In una società del terziario avanzato, nell'era dei computer e degli shuttle, Magro porta il nostro primario: la terra.

diego gulizia